Sound Space Body – Workshop di Faravelli/Malatesta

Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

22 Ottobre - 23 Ottobre

Sound Space Body – Workshop di Faravelli/Malatesta

Info

Il workshop si svolge nelle giornate di

  • sabato 22 ottobre, ore 10.00-18.00
  • domenica 23 ottobre, ore 10.00-16.00

L’iscrizione al workshop è gratuita. Ai partecipanti è richiesto il pagamento del biglietto d’ingresso, che consentirà la visita del parco e della villa nelle due giornate.

Numero massimo di partecipanti: 15. Non sono richieste competenze musicali pregresse

Scadenza iscrizioni: 21 ottobre 2022

Informazioni e iscrizioni: info@o-m-n-e.com

Ingresso
Da Borgo Treviso, 48

Approfondimenti

Scarica il pieghevole (PDF)

Il workshop esplora le relazioni tra suono, corpo e spazio, proponendo modalità di ascolto che mettano in crisi l’opposizione tra soggetto e ambiente, percezione attiva e passiva, suono e silenzio, movimento e stasi. In continuità con gli interessi e le competenze specifiche dei partecipanti, riflessioni di carattere teorico saranno alternate ad azioni sonore realizzate in situ e sessioni di registrazione audio ambientali (field recording).

Nella parte teorica del workshop verranno presentati alcuni spunti di riflessione provenienti da ambiti quali i sound studies, l’organologia e gli studi etnografici, le ricerche sulla percezione ecologica e la musica sperimentale; da tali approcci emerge una sostanziale continuità tra uomo, animale e i materiali presenti nell’ambiente.

La parte pratica del workshop avrà luogo negli ambienti interni e nel parco di Villa Bolasco. Gli esercizi proposti consistono sia in azioni sonore, sia in sessioni di field recording: le azioni sonore verranno sviluppate in tempo reale, in movimento e in funzione delle caratteristiche in divenire del contesto. Ai partecipanti verrà proposto l’uso di alcuni semplici dispositivi sonori e found objects; tali oggetti non sono intesi per produrre suono di per sé (come avviene con un comune strumento musicale) ma per produrre specifiche modalità di ascolto: l’intento è quello di porre i partecipanti nella condizione di ascoltare se stessi nell’atto di produrre suono, in uno spazio-tempo specifico, sviluppando un’attenzione e una cura delle possibilità aurali di corpo, materiali e spazio.

Le sessioni di field recording suggeriscono delle modalità di utilizzo della tecnologia audio e dei microfoni, dispositivi nati per fissare/bloccare le informazioni sonore su supporti, che mettano in evidenza la complessità sfuggente dei campi sonori in cui siamo costantemente immersi e di cui siamo partecipi.

Attila Faravelli è un sound artist e musicista elettroacustico italiano. Nella sua pratica – che comprende field recording, performance, workshop e design – esplora il coinvolgimento materiale con il mondo che ci circonda. Il suo lavoro è stato presentato in vari festival e istituzioni in Europa, Stati Uniti, Cina e Corea del Sud. Ha collaborato, tra gli altri, con Armin Linke, Rossella Biscotti, Riccardo Giacconi, Kamal Aljafari, Gürcan Keltek, Teatro Valdoca e Mariangela Gualtieri. Fa parte del collettivo di ricerca sonora Standards di Milano. È fondatore e curatore del progetto Aural Tools, una serie di semplici oggetti per documentare i processi materiali e concettuali della pratica di produzione sonora di specifici musicisti.

Enrico Malatesta è un percussionista attivo in ambiti sperimentali di ricerca posti tra musica earti performative; la sua pratica esplora le relazioni tra suono, spazio e movimento conparticolare attenzione alle modalità di ascolto, alle affordances degli strumenti e al poliritmo, inteso come definizione di informazioni multiple attraverso un approccio ecologico e sostenibile all’atto percussivo. Presenta il suo lavoro in tutta Europa, Brasile, Corea del Sud, Giappone, Nord America e Russia, partecipando a prestigiosi festival di musica contemporanea e arti performative e prendendo parte a progetti di residenza artistica per la produzione e la ricerca musicale. Docente presso Accademia di Belle Arti di Bologna, collabora inoltre dal 2015 con IUAV – Università di Venezia e, nel 2019, con ERT – Emilia-Romagna Teatro Fondazione pe ril corso Dramaturg Internazionale. Tra le collaborazioni professionali in ambiti di Teatro, Danza e Arti performative si ricordano Mariangela Gualtieri e Teatro Valdoca (dal 2007), Societas /Chiara Guidi, Orthographe e Cristina Kristal Rizzo. Dal 2018 lavora a composizioni soliste per percussioni che richiedono un alto livello di interpretazione critica e collabora tra gli altri con Éliane Radigue, Jakob Ullmann , Michael Pisaro e Peter Ablinger.

Dettagli

Inizio:
22 Ottobre ore 10:00
Fine:
23 Ottobre ore 16:00
Categoria Evento:
Tag Evento:

Informazioni: 049 827 3939 (numero attivo dalle 9 alle 17, tutti i giorni, sabato e domenica compresi).

loading...